Come migliorare il WiFi ce lo dice, anzi, ce lo vende Google.

Google Wifi

SANJAY NORONHA, PRODUCT MANAGER DI GOOGLE NEST, SVELA IN UN BLOG ALCUNI SEGRETI INTERESSANTI SUL FUNZIONAMENTO DEL WI FI E TROVA UNA SOLUZIONE PER RISOLVERE ALCUNI PROBLEMI COMUNI.

Il WiFi è ormai di casa, anche nel vero e proprio senso fisico. I dispositivi che necessitano di essere interconnessi ad internet sono aumentati non solo negli uffici ma anche e soprattutto in casa.

Il wi-fi ‘viaggia’ su frequenze radio a 2,4 GHz e 5 GHz. È il router Wi-Fi a decidere a quale stazione radio far accedere i dispositivi in ​​modo da poter guardare i video sullo smartphone o effettuare una videochiamata in movimento all’interno di un luogo. Più reti Wi-Fi possono esistere sulle stesse frequenze, motivo per cui si possono visualizzare le reti adiacenti.

Sanjay parla di possibile congestionamento e conseguente rallentamento laddove più reti wi-fi operino contemporaneamente nella stessa area, e soprattutto con le stesse gamme di frequenza.

Il wi-fi era inizialmente costruito per soli 2,4 GHz e sono stati poi aggiunti i canali a 5 GHz, dando la possibilità di scegliere a che rete connettersi.
Norohna promuove l ‘uso di un router come quello pensato appositamente da Google per superare questo tipo di impasse.

Si tratta di una rete” a più dispositivi con tecnologia ”network assist”. L’assist è proprio quello di dare la connessione migliore. Google Wi Fi si collega al punto di accesso Wi Fi più veloce e sceglie il canale meno congestionato, usando la banda più veloce senza interruzioni.

Se in alcune stanze il wi-fi funziona meglio per Sanjay, ciò dipende dal router.

Un router è come una lampadina, dice, notando che una lampadina ha una gamma limitata di luce mentre un router ha una gamma limitata di segnali. Anche se il wi-fi esiste da molti anni, molte persone sperimentano ancora il wi-fi che si interrompe.

Google Wifi è invece una tecnologia mesh e consente di ottenere un Wi-Fi migliore inserendo router Wi-Fi aggiuntivi in tutta la casa. Un sistema mesh aiuta a diffondere il segnale”.

Secondo un sondaggio di Google gli utenti fanno di tutto per “nascondere” i loro router. Oltre il 40% degli utenti rivela di aver tentato di nascondere il proprio dispositivo di rete perché ‘brutto o ingombrante’. Google Wifi è stato progettato in quest’ottica. Senza cavi e antenne esterne, è elegante e compatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.