Troppe app su Android e la batteria non dura abbastanza.

applicazione-android

Analizziamo come gestire al meglio la batteria del proprio smartphone senza rinunciare ad avere molte app.

La batteria del nostro smartphone non soffre la presenza di molte app, ma quando ve ne sono troppe attive in contemporanea. Il problema è generato infatti da quelle in continua esecuzione.
La soluzione più facile sembrerebbe affidarsi ad una app che si occupa di questo, ma pensiamoci bene, ciò significherebbe avere un app attiva per definizione in più. Questa soluzione perciò va in direzione contraria, benchè si tratti di app che evidenziano tutte le app attive in background. La possibilità di terminarle sortisce anche l’effetto positivo immediato di liberare RAM, ovvero memoria di lavoro. Non è però un effetto positivo il fatto che rimanga la app stessa ad occupare memoria e consumare la batteria.
Perciò eviterei le app cosiddette killer o più elegantemente chiamate task manager, semplicemente perchè Android fa già questa operazione. Lo sapevate?
Il gestore delle app integrato consente di togliere le app rimaste attive che non stiamo più utilizzando. In tal modo abbiamo chiuso la finestra d’esecuzione della stessa mentre i servizi e i processi in background associati resteranno attivi, in caso di notifiche ad esempio.
Huawei, Xiaomi e Samsung hanno un apposito menu per il risparmio della batteria e delle prestazioni e intervengono sulle app appena installate, bloccando i permessi di auto-avvio e chiudendo automaticamente la finestra d’esecuzione presente in background.
L’efficacia di questi sistemi è alta ma va utilizzata prestando attenzione alle eccezioni che nel caso di app come WhatsApp, Facebook e Gmail sono dovute. Il mio invito è ricorrere al risparmio energetico ma lasciare libertà d’azione alle app che utilizziamo tutti i giorni, per ricevere tutte le notifiche.
Da Android 6 è stato introdotta una modalità di ibernazione delle app chiamata Zo e ha risolto in buona parte tutti i problemi di memoria RAM e di app in background che consumavano risorse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.