Meglio Soli che con il touch.

PROJECT SOLI

IL PROJECT SOLI PROCEDE VERSO LA REALIZZAZIONE DI SISTEMI IN GRADO DI CONTROLLARE I DISPOSITIVI ELETTRONICI CON I GESTI DELLE MANI.

L’internet of things ha iniziato a varcare la soglia della nostra società e Soli si appresta ad essere integrato a prodotti già esistenti.
Le nostre dita da almeno dieci anni sono al controllo della nostra quotidianità virtuale.
Con il Project Soli le dita, e anche le mani, potranno pilotare via radar i dispositivi senza toccarli, attraverso gesti semplici e leggeri.
Il gruppo Advanced Technology and Projects di Google (ATAP) è al lavoro su un progetto di interesse globlale.
Il livello di precisione è tale da consentire il conto esatto del numero di carte da gioco in un mazzo o comprendere l’orientamento di una bussola.
Soli sa riconoscere oggetti e materiali, distinguere mele da arance e fino a individuare il tipo di bevanda versata in un bicchiere.
Per meglio comprendere il potenziale di questa tecnologia pensiamo agli operai con gli occhiali di sicurezza in realtà aumentata che potrebbero evocare tutti i tipi di controlli virtuali e utilizzare la tecnologia Soli per manipolare quei controlli nell’aria.
Immaginiamo un pulsante invisibile tra il pollice e l’indice: potremmo premerlo toccando le dita insieme. O un quadrante virtuale che si gira sfregando il pollice contro il dito indice. O ancora afferrare e tirare un Virtual Slider nel vuoto. Questi sono i tipi di interazioni che Google sta sviluppando e immaginando.
Il chip Soli è destinato a essere incorporato in wearables, telefoni, computer, automobili e dispositivi IoT nel nostro ambiente.
Google invita a restare aggiornati sugli sviluppi di questa tecnologia lasciando qui il proprio indirizzo email https://atap.google.com/soli/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.