Google Glass Enterprise, uno sguardo nel nuovo occhiale smart.

Google Glass Enterprise Edition

Tra le tecnologie di realtà aumentata l’edizione consumer non ha avuto il successo atteso e Google si rivolge adesso al mondo business.

Le tecnologie legate alla realtà aumentata dopo aver suscitato enorme curiosità e simpatia nel mondo dell’intrattenimento multimediale e videoludico, oggi si avvicinano al settore dei professionisti.Se l’utente ha ormai inteso che il wearable può anche essere non più solo una moda, ecco come un display posizionato sulla montatura di un occhiale diviene una nuova modalità di fruizione di contenuti e news.L’occhiale smart non è solo prerogativa di Google. Sono già noti al pubblico il Microsoft HoloLens e il Sony SmartEyeglass. L’annuncio del Google Glass Enterpise 2 mi dà l’occasione per parlare di questa tipologia di prodotto e della svolta business presa ormai dal 2017. Nel 2013 fanno la comparsa i primi prototipi di Google Glass, nella Explorer Edition, e fa seguito nel 2014 la produzione da parte di Luxottica. Nello stesso anno si passa dall’occhiale interamente prodotto, al dispositivo applicabile a qualunque occhiale. Oggi è una esclusiva del mondo business, e. pare piuttosto costosa, intorno ai 1550 euro.
Cosa c’è di nuovo? Oltre alla porta USB-C per la ricarica veloce, ecco il touchpad integrato nell’asta per navigare tra i documenti, selezionare con un tap e aprire o interagire con doppio tap. Sulla cerniera poi un secondo pulsante per scattare le foto a 32 MP o registrare video 4K@30 FPS o FHD@120 FPS. . Dispone di 3 GB di RAM, modem LTE, Bluetooth 5 e Wi-Fi.Chi li indossa potrà fare ricerche su Google e visitare siti Web, leggere le notizie online, controllare i social network, avviare videoconferenze e mostrare ciò che si sta guardando, ovviamente telefonare e visualizzare i messaggi, come inviarne, tradurre il testo da una lingua a un’altra,ottenere indicazioni stradali.  E fin qui sono le caratteristiche offerte direttamente da Google. Gli sviluppatori di terze parti contribuiranno a implementare altre funzionalità. 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.