Il primo passo verso il 5g è compiuto. L’iOT è più vicino?

5g
Si è conclusa l’asta delle frequenze 5g con l’assegnazione ai provider telefonici ma è solo l’inizio di un percorso di sperimentazione che si concluderà alla fine del 2021.

Il punto di svolta è lontano, benchè iOT, l’internet delle cose stia entrando a far parte quanto meno del linguaggio quotidiano.

I big della telefonia sono già all’opera con investimenti importanti che al momento però possono essere indice di ricavi molto ipotetici.

I numeri o meglio le cifre spese in particolare da Vodafone e Tim (2400 milioni circa) devono solo impressionare il tesoriere delle casse dello Stato.

A questo dobbiamo aggiungere che la diffusione della tecnologia 5G farà aumentare ulteriormente e in maniera massiva l’esposizione delle popolazioni all’ inquinamento elettromagnetico.

Non ci sono ancora studi sufficienti a sancire quanto abbiano speso bene Tim e Vodafone nell’ asta conclusasi poche settimane fa (almeno 4 volte di più di WindTre).

L’iOT rappresenta la prossima generazione di connessioni mobili.

Si chiama internet delle cose perchè saranno connessi oggetti ad oggi passivi, come abiti o frigoriferi.

L’impatto non sarà però solo sulla nostra quotidianità ma avrà conseguenze su industria ed economia mondiale.

L’idea si fa sempre più concreta di fronte alle sperimentazioni di cui giorno per giorno sentiamo parlare  Ci sono i primi prototipi di auto volanti e io che possiedo un auto al metano fatico a trovare un distributore di rifornimento. Solo quest’anno abbiamo in Italia i primi modelli di auto elettriche.

Di fronte a questi tentennamenti nella crescita industriale dubito che la corsa al rialzo nell’ aggiudicarsi le frequenza per il 5G sia già decisiva nel rappresentare il futuro prossimo dell’ iOT in Italia.

Manuel R. Marti, dal suo blog Plicy Tracker, ci fa sapere che all’aggressività dei rilanci più cospicui corrisponderà il rischio di aver ridotto la capacità di investire nel prossimo futuro, basta portare ad esempio Telecom che ha 25 miliardi di debiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.