SI SCRIVE XIAOMI E SI LEGGE SCIAO-MI.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
SALUTIAMO L’ARRIVO IN ITALIA DEL QUARTO PRODUTTORE DI SMARTPHONE AL MONDO.

Riconosciuta l’escalation di Huawei che, come ho raccontato in un precedente articolo, è oggi un marchio ormai affermato tra gli smartphone, sta per sbarcare nel mercato italiano un nuovo produttore orientale.

La data di esordio è ufficiale, il 24 maggio, e qualcuno potrebbe mormorare: “ecco un’altra ‘cineseria’”.

Ci troviamo di fronte al quarto produttore di smartphone al mondo ed è già marchio leader in alcuni paesi europei: Lei Jun è lo Steve Jobs asiatico.

Con l’approdo in Italia, verrà inaugurato il primo store a Milano a cui farà seguito un’intera infrastruttura di vendita e assistenza diretta nel resto del belpaese.

Wind e Tre saranno gli operatori che ne faranno da vetrina.

Ci troviamo di fronte a smartphone che saranno anche di fascia alta ma a prezzi estremamente competitivi ma Il vero attacco, nel mercato europeo, verrà sferrato sulla fascia media con prodotti come Redmi 5 plus che contrasteranno la vasta gamma di Huawei e i Samsung J.

In Italia è in ogni caso già in uso perché il prodotto è importato da tempo, con le consuete limitazioni legate a garanzia e non solo.

A fronte del risparmio ottenuto perché non dare un’ occhiata agli accessori? Sono noti i bracciali per il fitness: ebbene, le Mi Band, sono un prodotto Xiaomi. L’azienda se pur giovane (nasce infatti nel 2010) è già specializzata nella domotica e si apprestano ad arrivare anche le Android Tv (Mi Box), le action cam, le bilancie, la QyCycle, elegante bicicletta elettrica con funzioni smart. E non si escludono sorprese in un prossimo futuro così smart. Suona bene: Smart Xiaomi.

Però attenzione! Si pronuncia Sciào-mi.