Lo standard Qi. La ricarica senza fili.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Qi è una interfaccia standard sviluppata dal consorzio Wireless Consortium (Consorzio energia senza fili) per la trasmissione di energia elettrica attraverso l’induzione elettromagnetica su una distanza di massimo 4 cm. Deriva dal termine cinese che significa “energia spirituale o soffio vitale“, e fanno parte del consorzio circa 200 aziende.

Il sistema Qi comprende un trasmettitore di energia e un ricevitore compatibile in un dispositivo portatile. I produttori che lavorano a questo standard sono: AppleHTCHuaweiLG ElectronicsMotorola MobilityNokiaSamsung, e Sony .

Tra pregi e difetti, i sistemi di ricarica senza fili si stanno diffondendo e destando curiosità: vediamone il funzionamento.

Lo smartphone deve essere appoggiato su una superficie collegata a sua volta alla presa di corrente. Non servono cavi ma la carica è prodotta solo se il telefono è appoggiato sul tappetino: sollevandolo la ricarica viene interrotta.

Il principio fisico dell’induzione elettromagnetica si applica in questo modo: nei caricabatterie e negli smartphone ci sono delle bobine; nella bobina del caricatore passa una corrente elettrica variabile che crea un campo elettromagnetico rilevato da quella nello smartphone; la corrente ricavata in quest’ultima alimenta la batteria.

Allo stato dell’arte è necessaria ancora la prossimità di caricabatteria e smartphone.

Esiste compatibilità tra modelli di differenti marchi ma la velocità di caricamento può dipendere dalle caratteristiche dello specifico dispositivo. Occorre anche verificare la potenza che ad oggi va dai 5 ai 15 watt; gli ultimi iPhone (8, 8 Plus ,X) funzionano meglio con quelli fino a 7,5 watt, per il Samsung Galaxy S9 si può arrivare anche a 9, mentre per potenze superiori la compatibilità deve essere verificata per ogni dispositivo.

E’ importante anche verificare se la cover impedisca o meno a questo sistema di ricarica di funzionare.

Esistono caricabatteria wireless che non hanno ricevuto la certificazione del WPC ma questo non implica che non siano efficaci.

Per restare aggiornati su questa tecnologia mantenendo come riferimento il consorzio, il mio invito è quello di seguire il sito ufficiale www.wirelesspowerconsortium.com