Mai piu’ scarico. Powerbank una soluzione per la batteria del nostro smartphone.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Non è l’articolo del momento, ed è di certo diffuso quanto lo sono le cover o le memorie espandibili, ma riconosco quanto spesso ancora oggi sia sottovalutato. Il powerbank è un accessorio che permette di usare lo smartphone con meno parsimonia durante la giornata, proprio perchè ci consente di ricaricarlo anche più di una volta al giorno.

La prima caratteristica da considerare nella scelta del powerbank ideale è l’amperaggio, ovvero la massima carica accumulabile dalla batteria. “mAh” è l’abbreviazione di milliAmpére/ora e indica la capacità della batteria ricaricabile nel tempo. I powerbank partono da 2.000 mAh e riescono a fornire allo smartphone una corrente di 2.000mA continuativi per un’ora.

Maggiore è il valore, più la batteria è potente e di conseguenza sarà più alta la sua durata, benchè durante la carica sia inevitabile una leggera dispersione della potenza, con perdita media fino al 30% del valore dichiarato.

Gli Ampere riportati nella porta USB di output di un powerbank determinano la velocità con cui il device sarà ricaricato. Nella scelta del powerbank migliore è necessario controllare la corrente in uscita (output) indicata sul caricabatterie dello smartphone: l’output del powerbank dovrà avvicinarsi o superare quel valore. Solitamente il caricabatterie dello smartphone eroga circa 1A, e l’ideale per ricaricarlo è un powerbank da 1A di output. Se più alto nessun problema: la corrente in uscita è controllata dalla tensione, che è sempre di 5V, come previsto dalle specifiche delle porte USB.

Il powerbank a sua volta si ricarica da una fonte come un notebook o un caricatore a parete, o tramite USB. Il suo tempo di ricarica, oltre che dalla capacità, dipende anche dalla corrente accettabile in ingresso (input). Per scegliere il powerbank perciò è utile controllare che l’amperaggio della porta di input sia indicato correttamente. Così si può stimare il tempo utile per la ricarica totale.

Generalmente, i powerbank con capacità più alta hanno più di una porta USB per consentire di ricaricare anche due smartphone contemporaneamente.

Probabilmente questa sarà stata una lettura su questioni intuibili o semplici conferme ma sono certo che possa essere stata uno stimolo a prendere in considerazione l’acquisto di questo tipo di accessorio, qualora non lo aveste già, oltre che una ottima idea regalo.