Servizi a sovrapprezzo vs. Servizi supplementari. I servizi amici del business.

stretta di mano

La stesura di questo articolo, che nelle mie intenzioni vuole essere complementare a quello della scorsa settimana, ha il suo seme nella frase dell’utente che chiedeva l’eliminazione dei servizi a sovrapprezzo esclamando un categorico ‘mi tolga tutto’.

Ecco, tutto ciò che paghiamo in più rispetto a canoni ed eventuali extrasoglia voce, dati, sms non è solo il contenuto a sovrapprezzo o l’abbonamento a servizi premium: esistono anche i servizi supplementari o aggiuntivi.

Diventa quindi fondamentale distinguere tra le due tipologie perchè i servizi supplementari rappresentano veri e propri strumenti, sia per il business ma anche nella vita extraprofessionale, utili nel farci stare costantemente in contatto con le nostre reti.

Segreteria telefonica.

Può essere consultata componendo i numeri che indico dopo il nome dell’operatore: Tim 41919. Vodafone 42020. Wind 4200. Tre 4133. Il servizio, è che è offerto non solo dagli operatori principali ma anche da tutti gli operatori virtuali, è ormai a pagamento per tutti i gestori.

Quello che sicuramente interesserà sapere al signor Mitolgatutto, è che è divenuto a pagamento comporre il numero per consultare la casella vocale.

E’ di facile fruizione tanto che iPhone, per alcune versioni di iOS, ha un tasto dedicato alla casella vocale del proprio operatore, molto vicino a quelli che digitiamo quotidianamente.

Tutto qui. A me non è ancora capitato, ma conosco parecchi utilizzatori di iPhone che hanno lamentato l’inconveniente di aver contattato la casella vocale, pur avendo annullato le deviazioni verso la segreteria.
E’ importante perciò ricordare che una casella vocale rimane contattabile anche se abbiamo annullato le deviazioni verso la segreteria.

Gli operatori mobili sono corsi al riparo, promettendo rimborsi e Valerio Staffelli è andato a trovarli qualche tempo fa.

Servizi di Reperibilità

Alcuni sono a pagamento, altri gratuiti ma solo per qualche mese e altri ancora sono, per ora, gratuiti.
Il mio consiglio è di appurare con il proprio operatore mobile le condizioni di partenza di ciascuno di essi, verificando se la gratuità è prevista solo per un determinato periodo.

E’ altrettanto fondamentale leggere ogni comunicazione che l’operatore mobile ci invia, perchè la rimodulazione del costo di ogni servizio (e questo perciò vale per i servizi di reperibilità che per ogni servizio) dovrà essere annunciata come minimo con l’sms o nella fattura.

I servizi di reperibilità ci informano su chi ha provato a cercarci quando non eravamo raggiungibili, e, dall’altra parte, informano chi ha provato a cercarci della nostra nuova reperibilità.
Sono servizi che possiamo gestire disattivandoli, quando preattivi, o facendone richiesta.
Come per la segreteria telefonica possono essere attivati o disattivati digitando sulla tastiera a toni alcune stringhe di rete previste dal proprio operatore.

L’avviso di chiamata sostituisce i due precedenti servizi lasciando squillare come libero il nostro numero, dandoci, pertanto, la possibilità di mettere in attesa la chiamata che arriva mentre sto già conversando.

Trasferimento di chiamata.

Da quando i costi delle telefonate si sono ridotti drasticamente e sono diffuse la tariffe flat, la deviazione di chiamata a telefono non raggiungibile è meno temuta ma forse non abbastanza diffusa.
La comodità di deviare quando si è in viaggio verso il fisso della segretaria può aumentare la disponibilità verso i clienti.

Non va sottovalutata la sua potenzialità conosciuta già da chi vuole essere sempre raggiungibile in zone particolarmente difficili: grazie a telefoni dual sim, con una seconda sim di un altro operatore, si riescono così a raccogliere le chiamate deviate da quella principale, che momentaneamente può trovarsi fuori campo.

SMS/MMS di ritorno.

Prima del servizio è bene conoscere la funzione. Su alcuni smartphone all’acquisto è preattiva la richiesta della notifica di ritorno, ovvero un sms che mi informa sulla consegna andata a buon fine del mio sms/mms.

All’acquisto del nuovo smartphone pertanto occorre ricordarsi di fare questa verifica, successivamente, con il proprio operatore, controllarne il costo del servizio e di conseguenza scegliere il da farsi.
Rimuovere la richiesta della notifica di ritorno non esclude la possibilità di riattivarla selettivamente in futuro.

Concludendo, i servizi di supplementari sono un tema da affrontare o rivedere periodicamente, in particolare in ambito business, specie in periodi di intensa attività telefonica, quando ci si trova in zone meno fortunate dal punto di vista della copertura, o al cambio di gestore di telefonia per conoscerne costi e funzionamento e per una certa rassicurazione rispetto al timore che il nuovo operatore abbia meno copertura del precedente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.